Manuscript

9 verso

View side-by-side
Folio 9 verso

Transcriptions

Facsimile
Transcription

Più d’un Pastor nelle campagne sparso
Guidar la gregge, et a far prede inteso
Il Cacciatore in più d’un logo apparso

Il Gobbo de Caracci, il qual s’è reso
D’ogn’altro al pari in colorir famoso
Ma che in tinger paesi al sommo e asceso

n.o 16
Fig.e piccoline in tela p.i 2½ lar. 2 al.

Un di questi formò vago e frondoso
Ove di Ninfe un stuolo in giro unite
Muovono ai balli il piè nel suolo herboso,

n.o 17∙18
tele n.o 2 teste al par del vivo, la p.a tela di p.i 2½ lar. 2 al., la 2.a di p.i 2½ lar. 1 al.

E avvien, che dell’istesso anche s’addite
Quattro teste in due tele espresso in modo
Che son dipinte, e sembrano scolpite.

Se’ di Titian per gran Scolaro io godo
Il Corona esaltar, ch’eccelsa via
Calcò d’alto valore il giusto io lodo

n.o 19
Fig.a mezz.a in tela di p.i 4 al. 3 lar.

Di questo dunque immaculata e pia
Con purissimo Amor scorgesi accorre
La sua divina prole in sen Maria.

n.o 20
Fig.e piccole in tavola di p. 1¼ lar. 1 al.

Loth inebrian le figlie, acciò disporre
S’habbia all’empie lor voglie, et egli insano
Agl’amplessi nefandi al fine trascorre,

E il caso espresso da la dotta mano
Fù d’Alessandro Veronese in guisa,
Che per bell’opra non s’addita in vano

Transcriptions

Facsimile
Transcription

Più d’un Pastor nelle campagne sparso
Guidar la gregge, et a far prede inteso
Il Cacciatore in più d’un logo apparso

Il Gobbo de Caracci, il qual s’è reso
D’ogn’altro al pari in colorir famoso
Ma che in tinger paesi al sommo e asceso

n.o 16
Fig.e piccoline in tela p.i 2½ lar. 2 al.

Un di questi formò vago e frondoso
Ove di Ninfe un stuolo in giro unite
Muovono ai balli il piè nel suolo herboso,

n.o 17∙18
tele n.o 2 teste al par del vivo, la p.a tela di p.i 2½ lar. 2 al., la 2.a di p.i 2½ lar. 1 al.

E avvien, che dell’istesso anche s’addite
Quattro teste in due tele espresso in modo
Che son dipinte, e sembrano scolpite.

Se’ di Titian per gran Scolaro io godo
Il Corona esaltar, ch’eccelsa via
Calcò d’alto valore il giusto io lodo

n.o 19
Fig.a mezz.a in tela di p.i 4 al. 3 lar.

Di questo dunque immaculata e pia
Con purissimo Amor scorgesi accorre
La sua divina prole in sen Maria.

n.o 20
Fig.e piccole in tavola di p. 1¼ lar. 1 al.

Loth inebrian le figlie, acciò disporre
S’habbia all’empie lor voglie, et egli insano
Agl’amplessi nefandi al fine trascorre,

E il caso espresso da la dotta mano
Fù d’Alessandro Veronese in guisa,
Che per bell’opra non s’addita in vano