Manuscript

6 recto

View side-by-side
Folio 6 recto

Transcriptions

Facsimile
Transcription

E in altro oggetto egual ch’al vento scioglie
L’aurato crin Lorenzo Lotti impara,
Ch’in finir l’opre egli adempia le voglie

La natural bellezza anco dichiara,
Che disegnata è dal Guercin col figlio
La Vergin delle Vergini più rara,

E in atto d’humiltà dimesso il ciglio
Opera è di colui ch’eterna Arpino
De giardini del Ciel questo bel giglio.

Dal Maratta formato è Amor vicino
A Vener, che giacente in bel disegno
Offre la coppa all’Inventor del vino;

E del Tempesta di guerriero ingegno
Una zuffa campal si vede in cui
Con la morte trionfa odio, e disdegno.

Ma se tanto m’avanzo a dir d’altrui,
Che dirò di Titian, che il mondo acclama
Maraviglioso ogn’hor ne parti suoi

A dotto claustral diè nome, e fama
Ne’i suoi color, poiche dipinto ei parla
Se vedere il parlar solo si brama.

Par fatta di rilievo a rimirarla
In disegno una testa, e basta dire
La fece Raffael per celebrarla

Transcriptions

Facsimile
Transcription

E in altro oggetto egual ch’al vento scioglie
L’aurato crin Lorenzo Lotti impara,
Ch’in finir l’opre egli adempia le voglie

La natural bellezza anco dichiara,
Che disegnata è dal Guercin col figlio
La Vergin delle Vergini più rara,

E in atto d’humiltà dimesso il ciglio
Opera è di colui ch’eterna Arpino
De giardini del Ciel questo bel giglio.

Dal Maratta formato è Amor vicino
A Vener, che giacente in bel disegno
Offre la coppa all’Inventor del vino;

E del Tempesta di guerriero ingegno
Una zuffa campal si vede in cui
Con la morte trionfa odio, e disdegno.

Ma se tanto m’avanzo a dir d’altrui,
Che dirò di Titian, che il mondo acclama
Maraviglioso ogn’hor ne parti suoi

A dotto claustral diè nome, e fama
Ne’i suoi color, poiche dipinto ei parla
Se vedere il parlar solo si brama.

Par fatta di rilievo a rimirarla
In disegno una testa, e basta dire
La fece Raffael per celebrarla