Manuscript

4 recto

View side-by-side
Folio 4 recto

Transcriptions

Facsimile
Transcription

Una Natività dimostra aperto
Ch’opra è del figlio in colori si franco
Che del famoso Padre agguaglia il merto
.

Frà quanti mai ne figurò già manco
Non valse a far mirabile un ritratto
Lo spirto di Giorgion da Castel Franco

Di cui si naturale hà contrafatto
La veste di pelliccia ond’ei s’ammanta,
Ch’ingannato ne resto e l’ochio, e l’ tatto

In altro ch’eccelente anco si vanta
Carlo Maratta il suo valor dispiega,
E degno frutto è di si nobil pianta;

Che sia Luca Millin già non si nega
Si vivace egl’appar, e il vero esprime
S’a celebrarlo egregio altri si piega.

Marcel Venusto delle lodi prime
Già fece degno il suo pennel, che mai
Tela non colori, che’ non si stime,

Di queste in una veneranda assai
A man giunte d’un Papa evvi l’imago,
Ch’induce ossequio in affissarvi i rai.

Di Pavol Brilli verdeggiante, e vago
Un Paese si scorge a piè d’un monte
Dal quale un rio forma cadendo un lago

Transcriptions

Facsimile
Transcription

Una Natività dimostra aperto
Ch’opra è del figlio in colori si franco
Che del famoso Padre agguaglia il merto
.

Frà quanti mai ne figurò già manco
Non valse a far mirabile un ritratto
Lo spirto di Giorgion da Castel Franco

Di cui si naturale hà contrafatto
La veste di pelliccia ond’ei s’ammanta,
Ch’ingannato ne resto e l’ochio, e l’ tatto

In altro ch’eccelente anco si vanta
Carlo Maratta il suo valor dispiega,
E degno frutto è di si nobil pianta;

Che sia Luca Millin già non si nega
Si vivace egl’appar, e il vero esprime
S’a celebrarlo egregio altri si piega.

Marcel Venusto delle lodi prime
Già fece degno il suo pennel, che mai
Tela non colori, che’ non si stime,

Di queste in una veneranda assai
A man giunte d’un Papa evvi l’imago,
Ch’induce ossequio in affissarvi i rai.

Di Pavol Brilli verdeggiante, e vago
Un Paese si scorge a piè d’un monte
Dal quale un rio forma cadendo un lago