Manuscript

11 recto

View side-by-side
Folio 11 recto

Transcriptions

Facsimile
Transcription

n.o 30
Fig.e minute in tav.a di p.i 1 lar. e 1 al.

Con face ad allumar l’aere già nero
Sotto un atrio s’adopra un empio armato
Perche s’apra ai compagni ivi il sentiero

Di cui barbaro stuol cinto, e legato
Con esecrabil scherno inalza e preme
L’huomo immortal, ch’al Sol la luce ha dato

E in figural tante parti insieme
Leonardo da le Notti unir poteo
Ch’è ben degno a ragion di lodi estreme

n.o 31
Fig.e mez.e in tela p.i 8½ lar. 6 al.

Sansone alle cui scosse al fin cadeo
Quel tempio, che con esso oppresse, e spense
Frà sue ruine il Popol Filisteo

Dormire in seno a chi nel cor le accense
Fiamme d’Amor mirasi all’hor che privo
Del crin fù reso, e di sue forze immense,

E mostra in apparir morbido e vivo
Ch’Alessandro il formò quel che s’addita
Della nobil Verona esser nativo

n.o 32
Fig.e piccole in tela di p.i 5 al. 4 lar.

Dal minor Tintoretto colorita
Tela di pregio ad affissarsi all’opra
Ch’in sé contiene i riguardanti invita

Scorgesi l’Arca in lei non già più soprà
L’acque ondeggiar ma ferma arena asciutta
Avvien che del suo fondo ella ricopra,

Transcriptions

Facsimile
Transcription

n.o 30
Fig.e minute in tav.a di p.i 1 lar. e 1 al.

Con face ad allumar l’aere già nero
Sotto un atrio s’adopra un empio armato
Perche s’apra ai compagni ivi il sentiero

Di cui barbaro stuol cinto, e legato
Con esecrabil scherno inalza e preme
L’huomo immortal, ch’al Sol la luce ha dato

E in figural tante parti insieme
Leonardo da le Notti unir poteo
Ch’è ben degno a ragion di lodi estreme

n.o 31
Fig.e mez.e in tela p.i 8½ lar. 6 al.

Sansone alle cui scosse al fin cadeo
Quel tempio, che con esso oppresse, e spense
Frà sue ruine il Popol Filisteo

Dormire in seno a chi nel cor le accense
Fiamme d’Amor mirasi all’hor che privo
Del crin fù reso, e di sue forze immense,

E mostra in apparir morbido e vivo
Ch’Alessandro il formò quel che s’addita
Della nobil Verona esser nativo

n.o 32
Fig.e piccole in tela di p.i 5 al. 4 lar.

Dal minor Tintoretto colorita
Tela di pregio ad affissarsi all’opra
Ch’in sé contiene i riguardanti invita

Scorgesi l’Arca in lei non già più soprà
L’acque ondeggiar ma ferma arena asciutta
Avvien che del suo fondo ella ricopra,